mercato libero

Il mercato elettrico in Italia è abbastanza giovane, vista la sua apparizione solo nel 1999 grazie al decreto Bersani che ha di fatto liberalizzato il mercato dell’energia elettrica nel paese.

Mercato elettrico in Italia, le differenze tra i due mercati: quello libero e quello tutelato. Ma quale conviene maggiormente?

Sommario:

Tra cosa possiamo scegliere?

scegliere mercato energeticoLa prima questione sulla quale bisogna fare chiarezza è la seguente: cosa offre il mercato? Partendo da questa distinzione delle possibili opzioni arriveremo poi alla descrizione dei vari tipi di mercato e a quale conviene maggiormente.

Il mercato elettrico in Italia è diviso in libero e tutelato. Vediamo quali sono le principali differenze.

Il mercato libero è quello nato nel 1999 in seguito alla liberalizzazione del mercato elettrico nel nostro paese (Decreto Bersani 16 marzo 1999, n. 79). Esso è quel tipo di mercato che permette a tutte le compagnie private di vendere i propri servizi ai clienti che potranno scegliere tra tante offerte e tariffe su misura a seconda delle esigenze.

Il mercato tutelato, detto letteralmente di maggior tutela, è quello che prevede delle tariffe fisse stabilite dall’Autorità per l’Energia Elettrica Gas e Sistema Idrico, detto semplicemente AEEGSI. Il prezzo finale viene stabilito ogni 3 mesi, in base all’andamento dei prezzi della materia prima principalmente.

All’orizzonte, però, ci sono grossi cambiamenti per il mercato elettrico in Italia e, a farne le spese, sarà proprio il mercato tutelato.

Mercato elettrico in Italia: cambiamenti importanti dal 2019

2019Dal 1999 in poi, dunque, è stata aperta la possibilità a tutte le aziende di poter vendere l’energia elettrica e il gas a proprio piacimento. Lo stesso vale per gli utenti e i clienti finali che hanno la possibilità di scegliere da chi farsi fornire di energia.

Dal 2019, però, le cose cambieranno. Il mercato di maggior tutela verrà definitivamente abolito lasciando il campo totalmente a quello libero.

Cambia perciò il mercato elettrico in Italia e, per riflesso diretto, cambiano le opportunità per I clienti. Chi ha un contratto con il mercato tutelato dovrà, entro tale data, rivolgersi e scegliere un fornitore sul mercato libero.

Inizialmente tale cambiamento sarebbe dovuto entrare in vigore nel 2015 ma, per far sì che i clienti soprattutto fossero pronti, si è rinviato il tutto al 2019. Per andare nella stessa direzione delle esigenze delle famiglie e delle piccole imprese è stato introdotta un’offerta detta di Tutela Simile, che aiuterà ad entrare nel mercato libero. Le caratteristiche sono una sorta di via di mezzo tra le due precedenti.

Libero o tutelato: quale conviene?

mercato libero o tutelatoDopo quello che abbiamo appena annunciato, appare abbastanza evidente e chiaro a quale tipo di mercato affidarsi. Vista l’imminente uscita di scena del mercato di maggior tutela, ovviamente, il consiglio è quello di affidarsi a qualche compagnia del mercato libero.

Elenchiamo, in ogni caso, i vantaggi che ha il mercato libero a discapito di quello tutelato.

Prima di tutto la presenza su tale mercato di tantissimi fornitori con tante offerte a disposizione di tutti i tipi di clienti.

Le offerte doppie che fanno riferimento alla doppia utenza: sottoscrivere, cioè, un contratto unico sia per gas che per luce affidandosi a un gestore unico.

Le tariffe a prezzo fisso, spesso anche fino a 3 anni. Ciò avviene nel libero per invogliare i clienti a scegliere un determinato fornitore anziché un altro, ma soprattutto per non incappare in aumenti del prezzo dovuti all’aumento delle spese e dei costi del mercato energetico all’ingrosso.

Infine, cosa da non sottovalutare, la grande concorrenza che c’è tra i fornitori. Il gioco al ribasso può farla da padrone e a giovare di questa situazione sono esclusivamente i clienti.

Mercato elettrico in Italia, libero e tutelato: quale conviene? ultima modifica: 2018-03-13T09:09:12+00:00 da Bolletta Energia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.