Quando finisce il mercato tutelato del Gas? Cosa fare per passare al mercato libero?

Servizio Gratutito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19
confronto tariffe

Qual è il gestore più conveniente?

02 8294 1599   Fatti Richiamare
Ti ricontattiamo noi. Servizio Gratuito!
confronto tariffe

Qual è il gestore più conveniente?

Ricontattami
Fine mercato tutelato gas
Il 2023 sarà l'anno in cui verrà chiuso il mercato tutelato del gas, salvo ulteriori proroghe. Come funzionerà?

A seguito di diverse deroghe, la chiusura del mercato tutelato del gas è prevista entro e non oltre gennaio 2024, data entro la quale gli utenti ancora in maggior tutela saranno tenuti a scegliere un fornitore del mercato libero per la propria fornitura di gas metano.


Grazie a una tabella esemplificativa, vediamo nel dettaglio quando ciò accadrà in base alle varie categorie di clienti.

Fine mercato tutelato: Data prevista per ogni tipologia di utenza
TIPO UTENZA REQUISITI* DATA FINE TUTELATO
CLIENTI DOMESTICI
🔥 Gas
Consumatori singoli, famiglie e i condomini uso domestico.
Tutto sulla fine del Tutelato gas.
gennaio 2024
CLIENTI DOMESTICI
💡 Energia Elettrica
Consumatori singoli, famiglie e associazioni. gennaio 2024
AZIENDA (PMI) 💡 Tra 10 e 50 dipendenti e fatturato annuo tra 2 e 10 milioni di €, oppure potenza impegnata del punto prelievo maggiore di 15 kW. gennaio 2021
MICROIMPRESE 💡 Le microimprese che non rientrano nei requisiti di cui sopra, con meno di 10 dipendenti e fatturato inferiore a 2 milioni di €. gennaio 2024

*Il servizio a tutele graduali (delibera ARERA 491/2020/R/eel) sarà rivolto alle aziende (PMI) a partire da gennaio 2021. Le caratteristiche e i requisiti di tali aziende sono definiti in accordo alla definizione comunitaria vigente in materia e riportati in tabella.

Vuoi passare al mercato libero ma non sai come fare? Ci pensa Selectra! Chiama il numero gratuito 02 829 415 9902 829 415 9902 829 415 9902 829 415 99, un operatore ti fornirà tutte le informazioni necessarie per scegliere l'offerta luce e gas del mercato libero più adatta alle tue abitudini di consumo.

Quando passare al mercato libero per gas e luce? Scadenza e Proroghe

Ricorda che è possibile passare al mercato libero in qualsiasi momento, anche prima delle date di chiusura già stabilite per il tutelato, scegliendo il venditore più adatto alle proprie esigenze e stipulando un nuovo contratto di fornitura.

I servizi di tutela sono i servizi di fornitura di energia elettrica e gas naturale con condizioni economiche e contrattuali definite dall'ARERA, l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, destinati ai clienti finali di piccole dimensioni (quali famiglie e microimprese) che non abbiano ancora scelto un venditore nel mercato libero.

Decreto Milleproroghe 2021: chiusura del tutelato posticipata a 2023 e 2024

È a partire dal 1999, con il Decreto Bersani (dl 79/99 del 16 marzo 199 decreto legislativo 79/99 del 16 marzo 1999), che si decide di aprire il mercato alla concorrenza aprendo la porta a moltissimi nuovi operatori e contribuendo a creare un sistema molto più competitivo, sano e leale.

Nonostante ciò, la liberalizzazione del mercato non si è mai completata ed è, ad oggi, ancora in atto, avendo subito diversi rinvii nel corso degli anni, l’ultimo in seguito al decreto Milleproroghe 2021. Dopo diversi rinvii, il primo dei quali nel 2018, si giunge all'emendamento Milleproroghe 2021, proposto durante il governo Draghi dal deputato 5 Stelle Davide Crippa, che fa slittare a gennaio 2024 la fine della Maggior Tutela per l’energia elettrica, mentre è fissata a gennaio 2023 la fine del mercato tutelato del gas per le famiglie e le microimprese.

selectraselectra

Selectra: dal 2015 ti aiutiamo a risparmiare.

Noi di Selectra aiutiamo migliaia di utenti ogni giorno a orientarsi nel mondo delle utenze di luce e gas in maniera trasparente, gratuita e senza stress. Perché lo facciamo? Perché ci siamo passati tutti. Cosa aspetti? Chiama un esperto di Selectra per una consulenza gratuita!

L’operazione attraverserà presumibilmente un anno di “regime transitorio” fino alla completa liberalizzazione ed entro tali date tutti gli operatori attivi nel tutelato chiuderanno i battenti, a cominciare da Enel Servizio Elettrico del gruppo Enel, adesso suddiviso in Servizio Elettrico Nazionale per la maggior tutela ed Enel Energia per il mercato libero.
I clienti che in quella data saranno ancora con un fornitore tutelato saranno obbligati a sceglierne uno, sia per la luce che per il gas, tra quelli del mercato libero.

Cosa bisogna fare per passare al mercato libero?

Una volta selezionato il nuovo fornitore e firmato il contratto per le nuove offerte di luce e gas, sarà proprio questi ad occuparsi di inoltrare richiesta formale di recesso alla vecchia società, senza che questo causi un’interruzione del servizio che sarà invece continuativo e garantito. Fatto ciò, ed entro due mesi dalla richiesta, le utenze saranno regolarmente attive con la nuova società di vendita.

Inoltre, per tale operazione, come regolamentato da ARERA, non è previsto per il cliente alcun onere aggiuntivo né tantomeno una riduzione della qualità del servizio: cambierà unicamente il prezzo della materia prima e, in caso, le fonti della stessa.

Vuoi sapere quali sono le offerte luce e gas migliori del momento? Eccoti la top 3 delle tariffe più competitive del mercato libero:

Offerte Luce e Gas Oggi: scopri la classifica delle tariffe più convenienti di Martedì 06 Dicembre 2022 🔎
🏆 POSIZIONE 🔝 NOME OFFERTA 💰 SPESA*
(€/mese)
🥇
Primo
Sorgenia Next Energy Sunlight Luce e Gas
sorgenia logo
💡 LUCE: 66€
🔥 GAS: 116€

02 9475 8759 Attiva Online Attiva Online
🥈
Secondo
Eni Plenitude Trend Casa Luce e Gas
Eni
💡 LUCE: 74,9 €/mese
🔥 GAS: 116,9 €/mese

02 8294 1599Attiva Online  Attiva Online
🥉
Terzo
NeN Special 48 Luce e Gas
NeN logo
💡 LUCE: 77,5€/mese
🔥 GAS: 138€/mese

Attiva Online
Parla con noi

*La spesa mensile è stata calcolata su un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Perché passare al Mercato Libero?

Grazie alla liberalizzazione del mercato è adesso il cliente ad avere la libertà di scegliere il proprio fornitore in base alle proprie esigenze, all’offerta che ritiene più vantaggiosa e al tipo di servizio di cui intende fruire.

Proprio questo meccanismo ha messo in atto dei processi di sana concorrenza tra fornitori, a vantaggio del cliente finale, che hanno reso il mercato equo e più leale. Fino al 2007 era l'ARERA a stabilire i prezzi e il cliente non poteva far altro che rivolgersi all’impresa di distribuzione locale per la fornitura di luce e gas, accettando i prezzi imposti.

In sintesi, ecco i vantaggi di un passaggio al Libero Mercato.

  • Prezzo: vige la concorrenza, il fornitore decide il prezzo da applicare proponendo diverse offerte studiate sulle esigenze del cliente;
  • Offerta: il prezzo è garantito e può essere bloccato fino a 3 anni (col mercato tutelato cambia trimestralmente per la luce e mensilmente per il gas);
  • Offerta DUAL (luce+gas): al contrario della Maggior Tutela, col Mercato Libero è reso possibile attivare luce e gas con lo stesso fornitore, avendo tutto comodamente in un’unica bolletta e un solo interlocutore;
  • Servizi Extra: molti fornitori studiano la propria offerta arricchendola con servizi aggiuntivi quali assicurazioni sui guasti in casa, prodotti per l’efficienza energetica, manutenzione caldaia.

Confronto prezzi: Libero Mercato e Mercato Tutelato

Mettendo a confronto la tariffa più economica del mercato libero e quella del tutelato, si evince che un utente medio (dunque con un consumo di 2700 kWh per la luce e 1400 Smc per il gas) possa arrivare a risparmiare oltre 96 € in un solo anno in bolletta tra luce e gas. A questo si aggiunge la possibilità di usufruire dei servizi extra sopra menzionati e alle scontistiche che ogni libero fornitore può permettersi di attuare.

Cosa si intende essenzialmente quando si parla di mercato libero?
  • Il fornitore sceglie le condizioni economiche da proporre agli utenti finali, nell'ambito della libera concorrenza;
  • Il confronto tra il prezzo di ciascuna offerta per la scelta del fornitore più conveniente può avvenire chiamando un esperto energia.
  • Cosa ti serve per passare al Libero Mercato:
  • Dati anagrafici del proprietario della fornitura;
  • Codice POD dell’energia elettrica (identificativo della fornitura luce);
  • Codice PDR per il gas (identificativo della fornitura gas);
  • Indirizzo di fornitura e indirizzo di fatturazione se diverso dal primo;
  • Indirizzo e-mail, se decidi di ricevere la bolletta tramite posta elettronica;
  • Se scegli un'offerta con addebito bancario (al momento le più convenienti del mercato libero) ti occorrerà l'IBAN per il pagamento automatico della bolletta su conto corrente.

Cosa succede se non si aderisce al mercato libero?

Per quei clienti che alla data di abolizione del Mercato di Maggior Tutela non avessero provveduto a scegliere un fornitore tra quelli del mercato libero, non è ancora certo l'iter da seguire. L'ipotesi più quotata è che si passerà ad un fornitore provvisorio per 6 mesi, tempo nel quale l'utente finale avrà modo di scegliere un'offerta del mercato libero a lui adatta.
La continuità del servizio verrà comunque garantita e non vi sarà alcuna interruzione nella fornitura di luce e gas.

Consigli utili per il passaggio al Mercato Libero:

Il modo migliore per scegliere una tariffa luce e gas è verificare il prezzo di consumo e la spesa media mensile, però in un mercato che sta seguendo la direzione comune delle tariffe a prezzo indicizzato può essere utile valutare altre variabili, come l’affidabilità del fornitore e del suo servizio clienti, le tue abitudini a casa per poter scegliere una tariffa monoraria o bioraria, la modalità di pagamento o eventuali bonus o sconti in bolletta.

Aggiornato il