Cause e Soluzioni all'Aumento della Bolletta della Luce

Servizio Gratutito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19
confronto tariffe

Qual è il gestore più conveniente?

02 8294 1599   Fatti Richiamare
Ti ricontattiamo noi. Servizio Gratuito!
confronto tariffe

Qual è il gestore più conveniente?

Ricontattami
bolletta luce troppo alta

Il 2022 è iniziato con un aumento record della bolletta. Cosa sta succedendo ai prezzi di luce e gas e quali misure sono state adottate per contrastare gli effetti della crescita vertiginosa del costo dell'energia? In questo articolo ti spieghiamo i motivi del rincaro bollette e cosa fare per risparmiare.


Effetto Covid: il 2020 al Risparmio

La scalata dei prezzi di luce e gas è iniziata alla fine del 2020, dopo un periodo in forte calo dovuto alla contrazione dei consumi che ha coinciso con lo scoppio della pandemia Covid-19. Nel secondo trimestre si è assistito ad un forte ribasso (-18,3%  per l'elettricità e -13,5% per il gas), che è continuato anche nel terzo per il gas. A fine anno è iniziata la ripresa che ha riportato i prezzi dell'energia vicini ai livelli pre pandemia. Nel complesso le famiglie tipo del mercato tutelato hanno beneficiato nel 2020 di un risparmio, spendendo mediamente 200 € in meno rispetto al 2019 per l'energia. La fase acuta dell'emergenza Covid ha fatto registrare quindi un crollo generalizzato dei prezzi nei mercati all'ingrosso dell'energia. La ripresa delle attività produttive e dei consumi, come prevedibile, ha dato il via ad un graduale rialzo dei prezzi che si inizia a registrare già nel quarto trimestre del 2020 ed è destinato a salire nell'anno successivo. 

Come si calcola il prezzo della luce? La struttura della bolletta della luce è standard per tutti i fornitori; nella prima pagina si trova una sintesi delle informazioni principali tra cui l'importo della fattura. Questo valore è la somma di vari importi di spesa, che sono suddivisi in 5 voci: spesa per la materia energia, spesa di trasporto e gestione contatore, spesa per oneri di sistema, imposte. Per saperne di più sulla struttura della bolletta della luce consulta questo articolo.

L'aumento record del 2021 e le previsioni di spesa per la famiglia media

La fine della fase acuta della pandemia, l'aumento dei consumi, le attese per la ripresa economica, guidate anche dalla presenza dei vaccini che promettono una più concreta uscita dalla pandemia e l'aumento dei prezzi della CO2, sono i driver dell'incredibile crescita dei prezzi che si registra nell'arco del 2021. Le previsioni di ARERA (l'Autorità per l'Energia) parlano di aumenti record tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022+29,8% per la bolletta dell'elettricità e +14,4% per quella del gas nel quarto trimestre 2021 e +55% per la bolletta dell'elettricità e +41,8% per quella del gas per il primo trimestre del 2022. L'aumento delle bollette è dovuto alla crescita delle quotazioni dei prezzi delle materie prime. A salire alle stelle è quindi l'importo relativo alla voce spese per la materia energia, ciò si traduce in una spesa  media annua per la famiglia tipo di circa 823 € per la bolletta elettrica (+68% rispetto ai 12 mesi precedenti) e 1560 € per la bolletta del gas (+68% rispetto ai 12 mesi precedenti). 

Siamo in presenza di una situazione assolutamente eccezionale. Anche ARERA cerca di dare il proprio contributo sfruttando le limitate leve disponibili delle bollette e lo strumento dei bonus sociali elettricità e gas

Stefano Besseghini, presidente AREREAMilano, 30 dicembre 2021

Famiglia-tipo Con famiglia-tipo si intende un nucleo abitativo nel mercato di tutela che ha consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all'anno e una potenza impegnata di 3 kW; per il gas i consumi sono di 1.400 metri cubi annui.

Le misure di contenimento messe in atto dal governo

L'aumento record delle bollette è generato dalla crescita senza precedenti dei costi delle materie prime; gli interventi del governo sono stati principalmente di due tipi: 

  1. Bonus sociali: sconti a tutela delle fasce più vulnerabili della popolazione e alle attività più colpite dagli effetti della pandemia
  2. Riduzione o azzeramento di altre voci di spesa: abbassamento dell'aliquota iva e degli oneri di sistema

Gli aumenti dell'ultimo trimestre 2020 avevano già messo in allarme il Governo, che con il Decreto Sostegni (D.L. 22 marzo 2021, n. 41) aveva supportato circa 3,7 milioni di piccole imprese, quali bar, ristoranti, artigiani e piccoli esercizi commerciali, con sconti in bolletta nei mesi di maggiori chiusure (aprile, maggio e giugno) per un totale di 600 milioni di euro. A partire poi dal luglio 2021 il Governo interviene direttamente a calmierare i forti aumenti delle bollette con provvedimento di urgenza che riducono o azzerano gli oneri generali: 1,2 miliardi vengono stanziati per abbattere la voce di spesa oneri di sistema e viene prorogato lo sconto alle piccole imprese.

Il D.L. 27 settembre 2021, n. 130 ha destinato 2,5 miliardi di euro all'azzeramento degli oneri di sistema e 500 milioni per il potenziamento di bonus permettendo il contenimento degli aumenti delle bollette che sarebbero stati superiori al 45% per la bolletta dell'elettricità e di oltre il 30% per quella del gas. Con la Legge di Bilancio 2022 infine sono stati allocati complessivamente 3,8 miliardi di euro per la riduzione degli oneri di sistema, la riduzione dell'iva al 5% e il potenziamento dei bonus. Senza questi aiuti il 2022 sarebbe iniziato con aumento del 65% della bolletta dell'elettricità (anziché del 55%) e del 59,2% di quella del gas (anziché del 41,8%). 

I nuovi bonus sociali

I Bonus Sociali sono misure destinate alle famiglie in condizioni di disagio economico, si traducono in sconti sulle bollette di luce e gas e possono essere richiesti da chi risponde ai requisiti (di reddito e famiglia numerosa) recandosi al CAF o presso il proprio comune di residenza. Le novità introdotte dal Governo per quanto riguarda i bonus sociali sono state: 

  • Semplificazione delle richieste: dal 1° gennaio 2021 non è più necessario inoltrare la domanda, il bonus viene riconosciuto in maniera automatica nella bolletta ai soggetti con ISEE non superiore a 8.265 euro, o 20.000 se con più di 3 figli
  • Potenziando le risorse: da ottobre 2021 sono stati stanzianti sempre più fondi per il bonus sociale che nel primo trimestre 2022 arriverà a sostenere le famiglie in difficoltà con un importo di circa 600 € (200 euro per l'elettricità e 400 euro per il gas).

Con queste misure le famiglie in difficoltà sono protette dagli aumenti e grazie all'automatismo le agevolazioni sono garantite ad oltre 3 milioni di famiglie, 2/3 delle quali in passato non presentava domanda. 

Come difendersi dall'aumento della bolletta della luce?

Ci sono diverse soluzioni per risparmiare sulla bolletta della luce, alcune più semplici e rapide, altre più complesse e che richiedono investimenti a lungo termine. Ecco alcuni modi che i consumatori hanno a disposizione per tutelarsi dall'aumento delle bollette: 

  • Scegliere l'offerta per l'energia elettrica più conveniente: valuta quale è più adatta alle tue abitudini di consumo e ricorda che un'offerta a prezzo bloccato, scelta quando i prezzo della luce è più basso, ti mette al riparo da aumenti spropositati. 
  • Migliorare l'efficienza energetica della tua abitazione: una casa in classe energetica A, dotata di elettrodomestici a basso consumo e di luci a LED ha consumi di energia elettrica e gas ridotti, questo si traduce un risparmio in bolletta notevole.
  • Fai la dichiarazione ISEE: da un anno ormai non è più necessario inoltrare la domanda per il bonus sociale, che viene automaticamente attribuito in bolletta agli aventi diritto grazie alla collaborazione tra ARERA, INPS e Acquirente Unico. Se non hai mai calcolato il tuo ISEE, puoi recarti in un CAF per farne richiesta. 
Aggiornato il