Cos'è il CCR che paghi in Bolletta Gas?

attivazione contatore

Ti va di risparmiare in bolletta gas?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato.

ccr gas

CCR, Cmem, QVD, ecc. a volte le voci in bolletta gas sembrano essere scritte per non essere capite. Ma in realtà si tratta di acronimi che una volta scomposti prendono forma e significato.


Ecco perché questa rubrica dedicata a comprendere la bolletta del gas, tratta ciascuna di queste componenti per rendere chiaro ed evidente ciò che stai pagando per usufruire del gas presso il tuo domicilio o la tua attività.

Il CCR corrisponde ai costi che i venditori devono sostenere per rifornire i propri clienti e per proteggere i clienti dai rischi di forti variazioni dei prezzi (dovute, ad esempio, a temperature invernali eccezionali, o a variazioni della domanda complessiva di gas). Si applica al gas consumato (euro/smc).

Glossario ARERAbolletta.arera.it

Qual è il Significato di CCR Gas?

Come dicevamo CCR è un acronimo e sta per Componente Copertura Rischi; si tratta di una quota stabilita da ARERA come avviene per altre componenti della bolletta (come la CMEM, ad esempio). A quali rischi ci si riferisce? La componente CCR è calcolata considerando i rischi relazionati all'approvvigionamento di gas sul mercato all'ingrosso e tali, ovvero:

  • rischio profilo, relativo al differenziale giornaliero, a parità di volumi complessivi, tra i volumi prelevati e i volumi (piatti) implicitamente assunti per il calcolo della componente CMEM (pari a 0,081616 €/GJ);
  • rischio eventi climatici invernali, relativo alla variazione del livello dei volumi forniti in seguito al verificarsi di temperature invernali particolarmente rigide o viceversa particolarmente miti (pari a 0,047443 €/GJ);
  • rischio livello, relativo alla variazione del livello dei volumi forniti in esito, ad esempio, al passaggio dei clienti al mercato libero dal servizio di tutela (posto pari a 0,017652 €/GJ );
  • rischio bilanciamento: relativo all'eventuale onere che il venditore sostiene in relazione alla corretta programmazione dei volumi giornalmente forniti (pari a 0,010372 €/GJ);
  • rischio pro die, relativo alle attuali modalità di attribuzione dei consumi ai fini della fatturazione ai clienti finali (pari a 0,200356 €/GJ).
Componente CCR Anno Termico 2020/2021
Semestre invernale
Da 01/10/20 a 31/03/21
0,786381 €/GJ 0,030 €/Smc
Semestre estivo
Da 01/04/21 al 30/09/21
0,778813 €/GJ 0,030 €/Smc

* Fonte DELIBERAZIONE 24 MARZO 2020 - 84/2020/R/GAS

Per calcolare il CCR gas fatturato al cliente finale in €/Smc partendo dagli €/GJ, abbiamo scelto un coefficiente P standard pari a 0,038576 GJ/Smc. Il calcolo è molto semplice: basta infatti moltiplicare il costo in €/GJ per il coefficiente P:

  • Valore CCR gas semestre invernale 0,786381 €/GJ * 0,038576 GJ/Smc = 0,030 €/Smc
  • Valore CCR gas semestre estivo 0,778813 €/GJ * 0,038576 GJ/Smc = 0,030 €/Smc

Come avrai potuto notare, infatti, i valori sono tutti espressi in €/GigaJoule cioè utilizzando un'unità di misura che indica l'energia termica che il gas è in grado di produrre. Purtroppo il contatore del gas non legge i consumi in termini di energia ma è soltanto in grado di misurare i metri cubi erogati ciò significa che elementi come il calore, la temperatura e la pressione del gas consumato da ciascun cliente sfugge ad un effettivo calcolo.

Per risolvere tale problema, si introducono in bolletta misure correttive in grado di convertire i GigaJoule in Standard Metro Cubo ed è qui che entra in gioco il coefficiente P (Potere Calorifico Superiore Convenzionale) che rappresenta l'energia contenuta in un mc di gas e di conseguenza la qualità del gas che entra nella tua casa. Di solito le differenze del coefficiente P tra un distributore e l'altro sono davvero minime, come puoi tu stesso notare dai dati relativi al coefficiente P trasmessi a Snam da parte delle diverse società di distribuzione.


La CCR fa parte della Spesa Materia Gas

Vuoi Abbassare La Bolletta? - Servizio Gratuito

Vuoi anche tu approfittare dello cambio fornitore ma non sai quale offerta scegliere tra le tante presenti sul mercato? Siamo qui per darti una mano: contattaci e ti seguiremo passo passo nella scelta del fornitore più adatto a te.


cambiare gestore luce conviene

La Componente Copertura Rischi è inclusa all'interno della spesa materia prima gas ovvero lo spicchio di spesa che indica quanto effettivamente stai pagando il gas naturale. Tutte le altre voci (trasporto e gestione contatore, oneri di sistema e IVA e accise) sono tasse che pagano tutti i clienti a prescindere dal fornitore scelto.
Per sapere se un fornitore gas è più economico rispetto ad un altro dovrai prendere in considerazione tale spesa ai fini del confronto: mentre nel mercato tutelato tale spesa viene decisa dall'ARERA e cambia trimestralmente, nel mercato libero è il fornitore a decidere il prezzo in base alle dinamiche di concorrenza.

Aggiornato il

Leggi le Ultime Guide al Confronto Offerte