cambiare fornitore luce e gas

Leggi la nostra guida e valuta il perché cambiare fornitore di luce e gas può essere una mossa utile per risparmiare in bolletta!

Sommario:

Fra quali fornitori di luce e gas posso scegliere?

come scegliere un fornitore di luce e gasLa risposta alla domanda è molto semplice. Prima però una piccola premessa. Bisogna differenziare gli utenti che hanno un fornitore attivo nel mercato tutelato o nel mercato libero.

Quelli del mercato libero possono scegliere tranquillamente il fornitore che preferiscono e cambiare se trovano un’offerta più conveniente di luce e gas. In realtà anche gli utenti del mercato tutelato possono decidere di lasciare tale mercato e passare a uno libero che ti permette maggiore varietà di scelta.

RICORDA: il mercato tutelato sparirà nel 2019 per lasciare il campo a quello libero. Per questa ragione ti conviene scegliere già da ora un fornitore attivo nel mercato libero in modo da non farti trovare impreparato quando ciò verrà poi fatto in automatico per tutti i clienti legati al mercato tutelato, quello gestito dall’Autorità.

In teoria è bene che ogni cliente si tenga informato sullo stato del proprio contratto di fornitura di luce e gas. Così facendo si può valutare concretamente la possibilità di cambiare fornitore di luce o gas, magari scegliendone uno che abbia offerte sia per la luce che per il gas in modo da avere un unico interlocutore.

Quanto tempo e quanto costa cambiare fornitore luce e gas?

Per quanto riguarda le tempistiche va detto che per ultimare il passaggio e cambiare fornitore luce e gas c’è bisogno di uno o due mesi. Quando poi il contratto viene convalidato ci vorranno ulteriori tempi tecnici per via delle procedure che dovrà avviare il fornitore come, ad esempio, il contattare il vecchio fornitore del cliente per accordarsi sull’annullamento del contratto in modo da poterne sottoscrivere un nuovo e ultimare il cambio dell’utenza.

Risulta frequente, e quanto mai comprensibile, che moltissimi utenti si chiedano, al momento di un possibile cambio di fornitore, quante e quali spese saranno costretti a sopportare e affrontare.

In linea di massima bisogna dire che un cambio di fornitura di luce e gas, generalmente, non porta particolari svantaggi. Potremmo invece affermare il contrario.

Un cambio di fornitura di luce o gas può generare dei veri e propri risparmi. Per tale ragione quello che molte volte abbiamo consigliato è che l’utente deve cercare di restare sempre informato su tutte le proposte che ci sono in giro sul mercato. Allo stesso tempo, di tenere sempre sotto controllo lo stato della propria fornitura, in modo da poter comparare l’offerta di luce o gas con quelle presenti sul mercato.

Per quanto riguarda, invece, i costi dovete sapere che il cambio di fornitore è totalmente gratuito, così come è molto facile e veloce. Puoi, inoltre, cambiare fornitore ogni volta che vuoi, sempre gratuitamente, a parte possibili costi di bollo pari a 16€. Tali costi possono essere richiesti come cauzione dal nuovo fornitore.
Per concludere questa parte diciamo ulteriormente che non bisogna sospendere il proprio contratto visto che lo farà il nuovo fornitore. Esso si accorderà con il vecchio che potrà poi fare le pratiche per inoltrare al cliente la bolletta di chiusura.

In che modo capisco qual è il miglior fornitore di luce e gas?

Cercare di  trovare la giusta offerta per le proprie esigenze, in mezzo alle tante offerte disponibili non è complicato, ma bisogna comunque tenere sott’occhio alcuni aspetti fondamentali che possono guidare l’utente.

Tali aspetti sono:

  • Il prezzo dell’energia: tutti i vari fornitori fanno delle offerte molto variegate che possono essere di diverso tipo. Parliamo di offerte a quota fissa o variabile, monorarie o biorarie. Per questo in base ai propri consumi e alle proprie esigenze l’utente deve scegliere quella che più si adatta a questi punti.
  • L’attenzione all’utente: non è per nulla scontato ma la qualità del servizio clienti è un punto fondamentale nella guida alla scelta di un nuovo fornitore di luce e gas. Semplicemente perché nel momento del bisogno l’utente sa di poter contare su un’assistenza immediata e concreta.
  • La tutela dell’ambiente: scegliere tra le tante offerte di energia rinnovabile è anch’esso un punto importante da tenere in considerazione. Se l’utente finale ha l’intenzione di tutelare l’ambiente in cui vive, valutare offerte di fornitori attivi nel mondo dell’energia eco-sostenibile è un aspetto da non sottovalutare.
Cambiare fornitore luce e gas ultima modifica: 2018-06-29T09:50:11+00:00 da Bolletta Energia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.