contatore elettronico

I vantaggi di passare da un contatore tradizionale a uno elettronico non sono pochi. Di seguito vi descriveremo i motivi principali per cui conviene fare questa scelta.

Vantaggi contatore elettronico: scegliere il futuro e tutte le sue innovazioni anche per una maggiore sicurezza della propria casa. 

Sommario:

Contatore elettronico e contatore tradizionale: le differenze 

contatori vecchiI contatori tradizionali stanno pian piano scomparendo definitivamente in favore di quelli più moderni e tecnologici. Stiamo parlando dei contatori elettronici, all’avanguardia e con molte novità rispetto ai precedenti. 

Contatore tradizionale: questo tipo di contatore è il più vecchio che attualmente è in circolazione. Viene chiamato anche contatore elettromeccanico.

Esso infatti funziona in maniera meccanica. Utilizza un dispositivo meccanico che permette di contare e guardare i consumi.

Ha un disco metallico che viene mosso dalla corrente. La sua velocità è direttamente proporzionale alla quantità di energia consumata e impiegata misurata in base a ogni giro del disco.

Esempio: se il contatore meccanico è impostato su 2.0 kWh a giro, vuol dire che una rotazione completa del disco corrisponde a tale consumo. Il contatore registrerà quanti giri farà il disco per calcolare i consumi. Tale passaggio è possibile grazie alla presenza dei cilindri a 9 cifre che mostrano il consumo in kWh.

Questo contatore non è elettronico. Non può perciò misurare i consumi né per singole fasce né per singole ore. È possibile leggerlo guardando direttamente sul display di plastica.

Contatore elettronico: attraverso il sistema della telegestione (che illustreremo nell’ultimo paragrafo di questo articolo), tale contatore ha rivoluzionato il mondo e i rapporti tra consumatore e fornitore.

In questo modo può essere gestito a distanza il rapporto tra la fornitura e i consumi del cliente in maniera veloce e chiara.

Con il nuovo contatore si possono effettuare molte più operazioni rispetto al passato.

Alcuni esempi: una cosa innovativa è la lettura e la distinzione dei consumi in base alle fasce orarie. Ma anche la data e l’ora, la potenza istantanea assorbita in kW e il numero cliente (di solito composto da 9 cifre, varia poi in base al fornitore).

Perché scegliere un contatore elettronico?

casa sicuraNel precedente paragrafo abbiamo spesso accennato che è molto più conveniente passare a un contatore elettronico, abbandonando così quello meccanico.

I motivi riguardano diversi aspetti.

Il principale motivo per cui scegliere un contatore elettronico è la sicurezza. I contatori elettromeccanici (quelli vecchi) non dispongono del salvavita. Dunque decisamente più pericolosi rispetto a quelli più moderni. I contatori meccanici per questa ragione non sostituiscono i dispositivi di salvavita previsti dalla legge per gli impianti elettrici interni. Bisogna quindi munirsi e installare un dispositivo salvavita a parte se si è in possesso di un vecchio contatore.

Un altro motivo per cui è molto meglio affidarsi a un contatore moderno è la possibilità di visualizzare personalmente tutti propri consumi, attraverso la telegestione.

Dalle fasce orarie alla potenza, senza dover ricorrere sempre all’aiuto del fornitore. Il contatore è di proprietà del distributore. Premendo il pulsante in alto a destra si potrà vedere anche il proprio codice cliente, da non confondere con il codice POD (a tal riguardo leggi il nostro articolo sulle differenze tra codice POD e codice cliente).

Ma vediamo nel dettaglio tutti i vantaggi principali:

  • Semplicità nella gestione del rapporto di fornitura anche da remoto
  • Lettura del contatore da parte del tecnico a distanza (telelettura)
  • Riduzione di CO2 nell’ambiente
  • Semplicità nell’attivare o disattivare un’utenza a distanza
  • Avere sempre sotto controllo, monitorandoli, i propri consumi

Cos’è la telegestione?

telegestioneAbbiamo citato la telegestione in precedenza come uno dei vantaggi che un contatore elettronico porta con sé.

La telegestione è un sistema innovativo basato su una comunicazione bidirezionale tra il contatore del singolo cliente e il centro di gestione. Tale sistema permette una facile, precisa e sicura gestione dei consumi degli utenti domestici, che avranno tutti i dati che chiedono sempre sotto controllo e a portata di mano.

La telegestione è composta dai seguenti elementi:

  • Contatore elettronico
  • Aggregatore (serve a raccogliere i dati forniti dai contatori elettronici a esso collegati. Tale apparecchio si trova nelle cabine di trasformazione di media e bassa tensione)
  • Sistema centrale (il punto dal quale vengono gestiti tutti i contatori collegati alla rete elettrica)

Ora, grazie all’innovazione della telegestione, possono essere effettuate molte più operazioni che prima richiedevano l’intervento di un tecnico.

Dunque ottimizzazione dei costi e del tempo. Componenti di risparmio da non sottovalutare sia per il cliente che per il distributore.

La telegestione è alla base di una rete in continuo sviluppo, molto simile a internet. Tale rete è detta smart grid. In essa c’è una libera comunicazione in cui fornitori, produttori e consumatori possono confrontarsi e offrire idee e servizi, come ad esempio il fotovoltaico. Un modo nuovo per capire le necessità e le esigenze di ognuno.

Vantaggi contatore elettronico: perché sceglierlo ultima modifica: 2018-04-11T10:31:40+00:00 da Bolletta Energia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.