efficienza energetica edifici

I metodi per risparmiare energia, con il passare del tempo, aumentano a dismisura. L’obiettivo doppio è quello di fare un favore alle proprie tasche ma soprattutto al proprio pianeta.

Efficienza energetica edifici: in attesa degli edifici del futuro, quelli cioè a consumo quasi nullo, detti a energia zero, il metodo per un risparmio immediato è semplicissimo.

Negli ultimi anni con l’aumentare dell’effetto serra e del derivante riscaldamento terrestre, molto più spazio viene dato a tutto quel che riguarda il risparmio energetico di ogni natura. L’efficienza energetica degli edifici è, senza dubbio, uno dei temi più discussi.

Sommario:

Come rendere efficienti gli edifici e la propria casa

Abbiamo anticipato che per la salvaguardia del nostro pianeta bastano davvero piccoli gesti. Alla domanda “come risparmiare sulla bolletta della luce” abbiamo più volte provato a rispondere con consigli utili.

Questa volta, invece, stringeremo la lente della nostra analisi su un altro metodo che sta avendo una buona diffusione. Tale metodo è quello del come rendere efficienti gli edifici e la propria casa.

Il primo modo è far analizzare (attraverso una termografia) la struttura e la condizione degli edifici affinché possano poi essere pronti per una riqualificazione energetica. L’edificio, per avere un’efficienza energetica, deve essere ben isolato. In questo modo può rendere al massimo senza sprechi di energia (ad esempio avere un buon isolamento termico).

Non bisogna dimenticare che nel nostro paese la certificazione energetica è obbligatoria per tutti quegli immobili soggetti a compravendite (affinchè si sappia la classe di appartenenza dello stesso).

Anche l’Unione Europea si sta impegnando in tal senso. La direttiva 2012/27/UE ha come fine ultimo quello di un risparmio energetico entro il 2020 del 20% proprio percorrendo la strada dell’efficienza energetica, in questo caso degli edifici, per ridurre l’emissione dei gas serra.

Energie rinnovabili come unica via futura

rinnovabiliIl futuro del nostro pianeta Terra dipende quasi esclusivamente dalla volontà che l’uomo ha di salvaguardarlo.

Nasce, proprio in quest’ottica, green economy, un modello di sviluppo che ha come obiettivo quello del ridurre le emissioni di energia e di aumentare l’efficienza nel modo in cui le risorse vengono utilizzate.

Per farla breve si sta cercando di affrontare il problema, della società odierna, dello sfruttamento intensivo delle materie naturali per una produzione intensiva di energia. Di questo passo l’ecosistema sarà il primo a farne le spese. Non solo i paventati cambiamenti climatici ma anche i danni a flora e fauna con molte specie di una e l’altra categoria a serio rischio estinzione.

La green economy, detta anche economia circolare, nasce con l’obiettivo di evitare al minimo gli sprechi. Anzi, per esser più precisi, per annullare o quasi gli stessi. Sì, perché tale economia si basa, fondamentalmente, sul riciclo delle materie utilizzate andando a sfruttare i rifiuti, rigenerando così il prodotto per utilizzarlo nuovamente.

Efficienza energetica edifici: detrazioni fiscali per chi investe

detrazioni fiscaliIn quanto a sensibilizzazione e a interventi concreti, non possiamo dire che lo Stato italiano non sia attivo. In tal senso sono molte le iniziative portate avanti per far sì che i cittadini aderiscano al progetto del risparmio energetico che significa poi salvaguardia della Terra.

A giovare di detrazioni fiscali importanti troviamo: la sostituzione degli infissi, le ristrutturazioni di edifici e case ma anche l’installazione di caldaie a condensa.

Ecco qualche dato concreto:

  • Addirittura il 65% di sgravi fiscali se si installano pannelli solari, infissi, finestre, dispositivi per il controllo da remoto o una riqualificazione generale della casa o dell’edificio più in generale; 
  • Il 50% di sgravi fiscali se invece si acquistano grandi elettrodomestici di classe A+ o superiore.
Efficienza energetica edifici: come funziona? ultima modifica: 2018-03-15T09:14:44+00:00 da Bolletta Energia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *