differenza allaccio e prima attivazione luce e gas

Scopri di quale operazione hai bisogno per la tua nuova casa in questo articolo con la differenza tra allaccio e prima attivazione di luce e gas.

Sommario:

Cosa devo fare per attivare luce e gas in una nuova casa?

Ti sei appena trasferito e non sai come fare per attivare le utenze dell’energia elettrica e del gas? Prima di tutto bisogna che tu ti renda conto dello stato del contatore nella casa nuova in cui ti sei trasferito. Infatti,  a seconda del caso, c’è una diversa operazione che deve essere richiesta. Vediamo tutte le operazioni nel dettaglio con le varie ipotesi:

  • il contatore non è presente: richiedere un allaccio di luce o gas
  • il contatore è presente ma è chiuso
    • non è mai stato attivato prima: bisogna fare una richiesta per una prima attivazione di luce o gas
    • è stato già attivato in passato: richiedere un subentro
  • il contatore è presente e attivo: è necessaria una voltura

LEGGI ANCHE: Come organizzare un trasloco di luce e gas

Allaccio luce e gas

allacciamento luce e gasIn questo paragrafo entreremo nel dettaglio per quel che riguarda le modalità da seguire per richiedere un allaccio di luce o di gas.

Come anticipato, tale operazione è da richiedere in caso in cui il contatore non è presente. Ma a chi va richiesto l’allaccio della luce e del gas?

Innanzitutto diciamo che l’allaccio è quella operazione che viene richiesta da quegli utenti che hanno bisogno di collegare la propria abitazione alla rete di distribuzione (che sia della luce o del gas). Tale richiesta può essere fatta in due modi che sono:

  1. direttamente al fornitore di luce e gas
  2. al distributore locale

In base alla scelta, si avranno delle tempistiche diverse perché nel primo caso è lo stesso fornitore che si preoccuperà di contattare il distributore per l’allaccio e l’installazione del contatore. Mentre, nel secondo caso, contattando il distributore locale dovrete poi comunque chiamare un fornitore per sottoscrivere un contratto di luce o di gas.

I dati che vi verranno richiesti, invece, sono:

  • dati della fornitura (potenza impegnata, richiesta, destinazione d’uso domestico o altri usi)
  • indirizzo della fornitura
  • dati anagrafici dell’intestatario della fornitura con un documento d’identità valido
  • recapito telefonico
  • dichiarazione sostitutiva (dichiarazione del titolo abilitativo dell’immobile)

Una volta effettuato l’allaccio, dopo il sopralluogo di un tecnico del distributore che vi farà anche un preventivo in base alla quantità di lavori che devono o non devono farsi, al vostro nuovo contatore verrà assegnato un codice che è il codice identificativo della vostra utenza, vale a dire il codice POD.

Il consiglio, inoltre, che sentiamo di darvi è quello di avviare le pratiche per l’allaccio con un certo anticipo, ancor prima di trasferirvi nella nuova casa. Questo perché le pratiche per l’allacciamento possono essere spesso molto lunghe per quanto riguarda le tempistiche. Vediamole insieme qui di seguito sia per la luce che per il gas:

  • Preventivo per l’allaccio dell’energia elettrica:
    • 20 giorni lavorativi
  • Preventivo per l’allaccio del gas:
    • 15 giorni lavorativi per i lavori semplici
    • 30 giorni lavorativi per i lavori complessi

Dopo il preventivo sta a voi accettarlo e,chiaramente, pagarlo. In questo modo il distributore procederà con i lavori che possono andare da un minimo di 10 a un massimo di 60 giorni in base al tipo di lavori che devono essere fatti.

Prima attivazione luce e gas

Quello della prima attivazione è, invece, il caso in cui il contatore è presente e regolarmente installato ma non è mai entrato in funzione prima d’ora.

Per  la prima attivazione della luce avrete bisogno di sapere il codice POD del contatore della nuova casa. Essendola prima attivazione assoluta, non si disporrà di una bolletta precedente dunque il codice POD andrà individuato direttamente sul contatore o attraverso il costruttore dell’immobile e/o attraverso l’agenzia che vi ha venduto la casa.

Il primo caso, quello dell’individuare direttamente il codice POD dal contatore è molto semplice: basta premere il pulsante che è situato di fianco al display. A questo punto sullo stesso monitor dovrebbe uscirvi per intero il codice che inizia sempre per IT ed è seguito da 3 numeri oltre la lettera E.

La procedura per la prima attivazione del gas si differenzia da quella della luce in quanto è necessaria una richiesta scritta, che segue l’allacciamento, al fornitore da voi scelto. La richiesta può essere presentata solo se:

  • il contatore è stato già installato
  • sono stati già eseguiti i lavori necessari affinché tutti funzioni bene sia dentro che fuori l’abitazione

Perciò la prima attivazione per il gas avviene solo ed esclusivamente dopo che il distributore avrà accertato e controllato la documentazione presentata dal richiedente, stando a quanto viene stabilito dalla delibera 40/04, emanata dall’Autorità.

Il processo per la prima attivazione potrebbe avere tempistiche che variano dai 2 ai 3 mesi, per questo, lo ribadiamo, è sempre meglio muoversi con largo anticipo.

Allaccio e prima attivazione luce e gas ultima modifica: 2018-10-19T16:03:03+00:00 da Bolletta Energia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.